Medhat Shafik
Medhat Shafik
Medhat Shafik
Timoteo Carbone

MERAKI

Il progetto nasce dalla collaborazione tra

YOY Performing Arts e l’Associazione Meccaniche della Meraviglia,

 e si incentra sulla ridefinizione del rapporto

tra arte, danza, musica e new media in relazione allo spazio.

L’opera d’arte si presenta come una cosa sola con lo spazio che la contiene e la esalta.

È partendo da questo concetto che si sviluppa l’azione performativa di Meraki.

L’opera e il luogo, nella loro bellezza statica,

per un attimo prendono vita, facendo esplodere tutte le loro potenzialità espressive

attraverso la musica e il movimento, e al contempo

musica e movimento conducono un’”analisi critica” sull’opera e il luogo.

L’opera d’arte così non è più solo parte della scenografia, ma diventa coprotagonista dell’azione performativa.

Opera

Palmira di Medhat Shafik

Luogo:
PARC PERFORMING ART CENTER/FIRENZE

Coreografia e danza:
Emma Zani e Luca Parolin

Musiche:
Timoteo Carbone

Video:
Michele Arrabito

Emma Zani

Nata a Brescia nel 1998.

Danzatrice e performer , dopo una prima fase di formazione e la partecipazione a vari stage con Carl Portal, Jon B, Marco Batti, Corinne Lanselle e Michaël Cassan. e due anni di studio con Myrna Kamara, si trasferisce a Firenze al Balletto di Toscana dove rimane dal 2015 al 2019 studiando, tra gli altri, con Arianna Benedetti, Angela Placanica, Martina Barbi e Simonetta Giannasi.

Nel 2017 entra nella compagnia Antitesi diretta da Arianna Benedetti e poi nella compagnia Nuovo Balletto di Toscana.

Nel 2019 si trasferisce a Roma alla Dance Art Faculty dove ha l’opportunità di studiare con Mauro Astolfi, Emiliano Piccoli, Alessandra Chirulli, Branco Tesanovic, Beatrice Bodini, Angela Shanghieva, e ballare con i coreografi Thomas Noon, Shirley Esseboom, Francesca Frassinelli, Tamara Gvozdenovic, Meritxell Barberà e Imma Garcìa, Roberto Scafati, Giovanni Insaudo,  Juan Jose Tirado, Dor Mamalia.

Nel 2020 lavora al Teatro Donizetti di Bergamo con il duo Ricci/Forte per l’opera “Marino Faliero” con la coreografia di Marta Bevilacqua.

Partecipa all’edizione 2020 del Festival Fabbrica Europa con il progetto Slittamenti di Cristina Caprioli e Pietro Gaglianò.

Sempre nel 2020 fonda il Collettivo YoY Performing Arts.

Luca Parolin

Nato a Bassano del Grappa nel 1994.

Inizia la sua formazione nel 2006 presso la Scuola di Danza San Bassiano di Bassano del Grappa, dove studia Hip Hop, danza moderna, contemporanea, tap dance e musical.

Dal 2009 approfondisce lo studio dell’Hip Hop presso la Da Beat Skool di Rosà, partecipando a numerosi stage e concorsi.

Nel 2015 prosegue la sua formazione presso la scuola La Timba di Padova, per poi approdare alla Sponky Style Academy di Firenze nel 2016.

Nel 2018-2019 si specializza nella danza contemporanea seguendo il corso professionale APP presso l’Accademia di Arti Coreografiche Alma Studios di Bologna.

Ha lavorato con la compagnia SKS di Sponky style Academy e DNA Dance Company di Elisa Pagani.

Ha lavorato con il regista Stefano Ricci all’Opera “Marino Faliero” di G.Donizetti.

Lavora con la compagnia Naturalis Labor ed  E.sperimenti Dance Company e nel 2021 collabora al progetto Meraki di YoY Performing Arts.

Timoteo Carbone

E’un artista italo svedese, musicista, compositore e artista sonoro.

Si è laureato al Conservatorio di Rotterdam (CODARTS), studiando composizione con Peter-Jan Wagemans.

Si è laureato come master alla Accademia Reale dei Paesi Bassi (KABK), esplorando le connessioni tra arte visiva e musica di ricerca.

Crea performances e installazioni per musei e istituzioni tra cui Stedelijk Museum, Gaudeamus Muziekfestival, Boijmans Museum, Van Abbemuseum, Tempo Reale, Rewire Festival e Fabbrica Europa.